La sindrome del tunnel carpale

La sindrome del tunnel carpale e provocata dalla compressione del nervo mediano nel suo passaggio dal polso alla mano attraverso il tunnel carpale insieme ai tendini flessori superficiali e profondi delle dita.

sindrome tunnel carpaleSindrome del tunnel carpale

CAUSE

La sindrome puà essere provocata da fattori intrinseci che aumentano la pressione sul nervo; a volte il problema può essere congenito mentre più spesso é causato dall aumento di volume delle strutture circostanti quali tenosinoviti ( infiammazione dei tendini versamenti liquidi ad es. ematomi post traumatici malattie sistemiche ( artrite reumatoide, insufficienza renale cronica e artrosi), gravidanza, allattamento, alterazioni ormonali.

DIFFUSIONE

E stato calcolato, da recenti studi che l’incidenza di questa sindrome è in aumento, e colpisce circa il 2% della popolazione con una frequenza nel sesso femminile superiore 3 volte rispetto al maschile. In circa il 70% dei casi è bilaterale.

FATTORI DI RISCHIO

Esiste una predisposizione individuale, ma ci sono fattori favorenti quali le attività manuali pesanti e o ripetitive, può essere presente nella gravidanza e nella menopausa che provocano ritenzione idrica a seguito di squilibrio ormonale, traumi anche con fratture, compressione dovuta all’uso di apparecchio gessato, artrosi deformante

Più rari casi di compressione dovuta a neoformazione (cisti o tumori).

SINTOMI

Solitamente la sintomatologia insorge gradualmente, ma successivamente possono diventare costanti ed andare incontro a peggioramento.

Sono rappresentati da dolore alle prime dita e parte del quarto, prevalentemente notturno.

Disturbi della sensibilità, formicolio,intorpidimento della mano e delle dita,sensazione di bruciore

Riduzione della forza di presa con caduta di oggetti dalle mani

FASI CLINICHE

Si possono distinguere tre fasi

1 Fase irritativa, dominata dal dolore prevalentemente notturno localizzato polso e dita e anche l avambraccio

2 Fase sensitiva, in cui si ha una progressiva perdita della sensibilità delle dita

3 Fase paralitica, con riduzione o scomparsa del dolore, persistenza dei disturbi sensitivi e segni di paralisi motoria.

DIAGNOSI

Essenziale è la storia del paziente e la valutazione clinica da parte di uno Specialista Chirurgo della Mano che valuta la sintomatologia e quindi il dolore alle mani, formicolio con successiva perdita della sensibilità progressiva e diminuzione di forza di opposizione e ipotrofia muscolare.

diagnosi sindrome tunnel carpaleDiagnosi sindrome tunnel carpale

Esistono dei test clinici specifici quali il segno di Tinel , in cui la percussione del nervo provoca una caratteristica sensazione di scossa alle dita.

Test di TinelTest di Tinel

Altro test è quello di Phalen, in cui mantenendo il polso in iperflessione (o iperestensione, cosiddetto Phalen inverso) provoca l’insorgenza di formicolio alle dita o peggioramento degli stessi.

Test di PhalenTest di Phalen

Test di Phalen inversoTest di Phalen inverso

Sono inoltre necessari degli esami diagnostico-srumentali specialistici specifici quali l’elettroneurografia che misura la velocità di conduzione dello stimolo nervoso, l’elettromiografia che valuta l’innervazione dei muscoli, e sono indispensabili per una corretta diagnosi. L’ ecografia del polso e la RMN sono degli esami complementari ma non essenziali.

TRATTAMENTO

Può essere conservativo e chirurgico.

Nelle forme iniziali è indicata la terapia conservativa consistente nell’uso di un tutore notturno per l’immobilizzazione polso e mano in posizione neutra con ausilio di farmaci neurotrofici e di terapie fisiche, come ad esempio gli ultrasuoni.

La terapia conservativa non è comunque risolutiva, per cui il paziente deve essere costantemente controllato, ed in caso di peggioramento si pone l’indicazione chirurgica.

Il trattamento chirurgico è pertanto indicato nelle forme più gravi od evolutive.

Consiste nell’ apertura del tunnel carpale e la decompressione del nervo mediano.

Si esegue in anestesia locale con incisione cutanea che permetta una adeguata visione del nervo nel suo decorso per evitare danni chirurgici conseguenti ad una visione incompleta e consistenti in lesioni del nervo (che talvolta presenta anomalie anatomiche dell’emrgenza del ramo motore)o incompleta apertura del tunnel carpale causando pertanto un problema funzionale spesso difficile da risolvere. La durata dell’intervento è di circa 5 minuti.

Anomalie di emergenza del ramo motore del nervo medianoAnomalie di emergenza del ramo motore del nervo mediano

esempio intraoperatorio anomalia emergenzaEsempio intraoperatorio di anomalia di emergenza

Anomalia di emergenzaAnomalia di emergenza

Successivamente vengono eseguite visite di controllo, medicazioni. Il paziente deve osservare riposo, evitare di sollevare pesi e le manovre di iperestensione ed iperflessione del polso per 30 giorni.

Utile nel decorso post-operatorio l’ausilio di trattamenti fisioterapico per la riabilitazione.

E’ comunque importante sapere che il trattamento chirurgico risolve immediatamente la sintomatologia dolorosa, ma sono necessari alcuni mesi per avere un beneficio del quadro sensitivo che spesso, a seconda della gravità, può portare soltanto una soluzione parziale.

tutore per tunnel carpaleTutore per la sindrome del tunnel carpale

Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie. Scopri di più